Revfin rehab


Riabilitazione in acqua con REVFIN

Gli esercizi di riabilitazione in acqua vengono svolti senza i pesanti e talvolta doloranti sobbalzi che si provano lavorando a secco. Il galleggiamento in acqua consente di effettuare esercizi secondo un minore impatto sul tuo corpo e in particolare:

  • Il tuo peso è ridotto fino al 97 %
  • La resistenza idrodinamica ai movimenti smorza gli impatti
  • La pressione idrostatica tonifica l’intero corpo

REVFIN è un eccellente aiuto per i Fisioterapisti Professionisti

REVFIN offre tutta una serie di nuovi modi di lavorare sui tuoi arti, muscoli, legamenti, giunzioni, tendini e colonna vertebrale fino ad elevare i tuoi classici esercizi di routine ad un livello superiore e più efficace.

REVFIN è il giusto attrezzo per il tuo centro di Terapia Fisica in Acqua

Basta poco tempo per imparare a usare REVFIN, scoprirai subito come il tuo lavoro di riabilitazione migliora così come la terapia fisica in acqua.


Hai mal di schiena? Con REVFIN recuperi velocemente.


Terapia in Acqua

La terapia acquatica può essere definita come l’utilizzo dell’ambiente aquatico, dei suoi strumenti e di tecniche specifiche, da parte di personale qualificato, per svolgere un’azione di recupero, miglioramento e mantenimento di determinate funzioni fisiche. Nell’industria acquatica vengono classificate dozzine di tecniche diverse, per citarne alcune più popolari: PNF acquatico, Feldenkrais, Yoga acquatico, Ai Chi, Bad Ragaz Ring e Pilates Acquatico. La riabilitazione in acqua consente spesso un recupero più veloce del paziente e con la stessa celerità diminuisce il suo stato di dolore, ciò determina l’instaurazione di confidenza con l’acqua e la disciplina.

Scarica la BROCHURE

Perché REVFIN nella Riabilitazione Acquatica?

Con REVFIN hai uno strumento che permette al tuo paziente di trarre beneficio dalla maggiorata resistenza idrodinamica dell’acqua applicata ai piedi. Questa forza di stiramento e potenziamento può essere modulata dal paziente stesso in base alla velocità di movimento da zero al 40% del peso del corpo. REVFIN può essere efficacemente applicata agli esercizi di Idro-kinesiterapia relativi a:

  • Spina dorsale
  • Ginocchia
  • Caviglie

REVFIN è stata progettata da nuotatori e bioingegneri

Con la sua confortevole scarpa in gomma naturale, REVFIN è facilmente indossata dal tuo paziente. Grazie alla sua forma, REVFIN applica resistenza al movimento sia delle gambe che dell’intero corpo. Quindi REVFIN estende efficacemente il rachide e i muscoli del piede/gamba e potenzia quelli delle braccia. Il vantaggio di essere scaricato dalla forza di gravità durante l’azione di stiramento, è il punto chiave di questo metodo. Nessun altro dispositivo è in grado di svolgere una simile azione un modo così naturale ed efficace.

Scarica il DATA SHEET

Stai facendo il massimo per migliorare il tuo metodo di Riabilitazione?

I Fisioterapisti professionisti devono porre molta attenzione nella scelta degli attrezzi e dei metodi che usano per ottenere risultati ottimali sui loro pazienti infortunati. I nuovi dispositivi devono essere testati senza che mettano a rischio il piano di recupero del paziente. REVFIN è proprio un attrezzo che può essere reso operativo a impatto zero. Infatti, sarà il paziente stesso con il suo grado di movimento a decidere quanto fare entrare in funzione l’effetto di frenatura. L’effetto di REVFIN si manifesta in:
  • Rallentamento dei movimenti degli arti
  • Stiramento significativo dell’apparato muscolare
  • Aumento dello sforzo muscolare e della resistenza

REVFIN nella riabilitazione della spina dorsale

REVFIN può aiutare nei casi di protrusione o ernia lombosacrale, nella compressione della spina dorsale e nella sua instabilità da trauma. Il punto focale dell’azione di REVFIN è l’extra stiramento del rachide dovuto all’aumento di forza resistente dai piedi. Lo stiramento è aumentato come intensità rispetto alla normale nuotata ed è inoltre applicato a spina dorsale scaricata dalla forza di gravità. I pazienti che non hanno problemi con il nuoto possono trarre beneficio da REVFIN avanzando con moderazione a stile crawl spingendo principalmente con le braccia e muovendo le gambe leggermente solo per stare a galla. I pazienti che non hanno familiarità con l’acqua o che non possono nuotare a causa dei loro situazione patologica possono essere aiutati con la tavoletta, il pull buoy o i tubi per stare a galla e il fisioterapista può trascinarli con una corda dal bordo delle piscina.














Fatti trainare dal bordo della piscina con una fune e trarrai beneficio dallo stiramento della spina dorsale. L’estensione del rachide è l’azione basica ed indispensabile per alleviare il mal di schiena.

REVFIN nella riabilitazione del ginocchio

L’articolazione del ginocchio è una delle attive del corpo umano e qualsiasi forma di disordine o dolore può influire sul movimento del corpo stesso nel suo insieme. La riabilitazione in acqua con REVFIN può essere effettuata sia in posizione seduta da bordo piscina che in posizione verticale nell’acqua poco profonda. Il valore aggiunto da REVFIN è nello sforzo richiesto ai muscoli del ginocchio per compiere il movimento della calciata in acqua (a forza di gravità trascurabile). Tale sforzo può essere modulato dal paziente, in base alle sue possibilità tramite la velocità di movimento. A seguito delle operazioni in artoscopia questi esercizi consentono un recupero più veloce della funzionalità dei legamenti e dell’articolazione del ginocchio.

REVFIN è un metodo semplice ed efficace per migliorare la tua azione di riabilitazione

REVFIN nella riabilitazione della caviglia

Persino i piccoli movimenti della caviglia possono essere resi efficaci con REVFIN. L’extra sforzo generato dal movimento con REVFIN può essere modulato dal paziente stesso a seconda della velocità di esecuzione. Più si migliora più si può sforzare.

Nelle patologie alla caviglia è difficoltoso effettuare esercizi di bilanciamento quando il peso proprio grava sulla giunzione stessa. Gli esercizi effettuati con REVFIN sono movimenti dell’articolazione a bassa velocità in condizione di forza di gravità annullata e possono essere modulati a piacimento. Tali esercizi si eseguono seduti al bordo vasca o in piedi in acqua poco profonda.

Riabilitazione in acqua con REVFIN - CASI DI STUDIO prof. Righini

C.D., Donna in buona salute 54, Libera professionista - intervento chirurgico marzo 2013 per Rottura del tendine achilleo sinistro - Intervento di tenoraffia mini invasiva sec Mgriffit modificata Osaka - Prognosi 30 giorni - Deambulazione con canadesi e Tutore tipo Walker Aircast con cunei dopo 5/7 giorni - Riabilitazione iniziata in aprile - Idrokinesiterapia 2/3 volte la settimana, sessioni da 1 ora - Utilizzo delle pinne REVFIN con Vas iniziale a 7/8 e dopo 10 trattamenti Vas 2/3 - June 2013 recovered - Non si evidenzia alcun problema.

I.B., Uomo, Salute media 51, Impiegato - Ernia Lombosacrale L3-L4 S1 da 10 anni - Prognosi: lungo ricovero e restrizione nei movimenti per diversi anni - Utilizzo del corsetto per 1 anno - Riabilitazione con Idrokinesi terapia 2 volte la settimana - Esercizi con REVFIN 1/3 del tempo - Dopo 6 sedute il paziente riporta miglioramenti nel movimento e riduzione del dolore.

G.R., Uomo, Salute media 53, Dottore commercialista - Meniscotomia ginocchio destro anno 2012 - Prognosi: Gonalgia Bilaterale - Dolore lombare alla schiena, e sciatica - Riabilitazione con Idrochinesi terapia 2 volte la settimana, sedute di 1 ora ciascuna - Esercizi con REVFIN 1/2 del tempo - Il paziente dopo 5 sedute riporta notevole soddisfazione al trattamento con REVFIN riscontrando notevoli benefici sia a livello muscolare (decontratturante e allungamento) che a livello osteo-articolare.

Il libro del Professor Righini “Manuale di sopravvivenza acquatica per mamma e papà” disponibile su richiesta